· 

BEN-ESSERE in terza età

L’ingresso nella terza età, per quanto graduale, reca in sé un bagaglio emotivo intenso e ricco, legato al decadimento psicofisico, al cambiamento della posizione sociale, all’allontanamento dei figli, a perdite affettive e, di conseguenza, molto spesso caratterizzato da sentimenti di tristezza, solitudine, senso di inadeguatezza e inutilità, paura e ansia che minano il senso di benessere della persona. Poco spazio si lascia alle emozioni positive come gioia, entusiasmo, soddisfazione, piacere sebbene presenti in vari aspetti della vita. Il “carattere” della persona, le condizioni socioeconomiche e le relazioni familiari sono alcuni fattori che influiscono sulla qualità della vita dell’anziano. Al netto della soggettività, oggi i cambiamenti dovuti alla vecchiaia sono visti generalmente in un’ottica negativa, di rigidità e di perdita e poco si pone l’accento sulle acquisizioni che invece si possono ottenere in termini di equilibrio, esperienza di vita, solidità, realizzazione di sé. Questo favorisce la prevalenza di un corredo emotivo di tipo negativo.

Come ogni età, anche la vecchiaia reca in sé delle possibilità, un nuovo e sconosciuto che può portare ad una vita piena e soddisfacente, nonostante le difficoltà insite in questa fase della vita. 

Noi di Alchimie Senior crediamo fortemente che buone relazioni affettive, socialità, varietà di stimoli e una vita attiva costituiscano una base da cui partire per scoprire le emozioni positive della terza età e per questo tra le nostre attività proporremo a breve dei laboratori ludico-esperienziali finalizzati al “Ben-Essere” in terza età

#staytuned #alchimiesenior

Dott.ssa Cinzia Guida

Scrivi commento

Commenti: 0