Infanzia

Infanzia · 06. novembre 2018
Quando una coppia scoppia, succedono un sacco di cose complesse ed è facile crollare. Quando a scoppiare è una coppia con figli la questione si fa ancora più complessa. Noi psicoterapeuti veniamo spesso coinvolti in questa dolorosa fase di trasformazione. Ogni storia ha una sua trama, ogni storia un suo preciso codice, ma ci sono dei punti fissi che riguardano trasversalmente tutte le famiglie che affrontano questo evento così perturbante.
Infanzia · 20. ottobre 2018
I capricci dei bambini sono un modo per sperimentare il grado di tenuta della relazione con le figure accudenti ed hanno lo scopo di modificarla, di forzarla di sondarne i limiti. Poco importa il contenuto del capriccio. Cosa possono fare i genitori per non farsi travolgere? Ecco qualche suggerimento pratico per fronteggiare i momenti di “crisi”
Infanzia · 17. ottobre 2018
Che cosa fare se si sospetta che il proprio bambino ha un disturbo specifico dell’apprendimento? La nostra équipe, autorizzata ad effettuare la diagnosi e la certificazione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento, ritiene che non basti consegnare la diagnosi alla famiglia, ma che sia di grande utilità presentarla al collegio dei docenti, o almeno ad un referente, in maniera da integrarla alle informazioni desunte dalla loro osservazione dell’alunno.
Infanzia · 02. ottobre 2018
Nella mia pratica clinica con i bambini e le loro famiglie, mi capita spesso di incontrare genitori preoccupati perché il loro bambino “fa la cacca addosso”. Si parla di encopresi quando il bambino emette le feci in luoghi inappropriati, nei vestiti, sul pavimento, sia involontariamente sia intenzionalmente, e ciò si verifichi almeno una volta al mese per almeno 3 mesi, in bambini che abbiano almeno 4 anni. In pochi casi si tratti di una condizione medica, che come tale va trattata, ma...
Infanzia · 17. settembre 2018
In lettura esistono due vie da poter utilizzare: una è fonologica e l'altra è lessicale. Entrambe funzionano in parallelo, l’una dà sostegno all’altra.
Infanzia · 21. dicembre 2017
Per un genitore, a volte, prendersi cura di un figlio può essere difficile non perché il figlio sia “strano” o lui incapace ma per la frustrazione che si può provare nel crescere un individuo a volte molto diverso da chi lo ha generato e cresciuto. Nei colloqui con i genitori sento spesso tutta la fatica che fanno per colmare quell’abissale discrepanza tra il figlio ideale che avevano immaginato, “costruito” e partorito nella loro testa e quello reale, quello che incontrano tutti i...
Infanzia · 07. dicembre 2017
di Carmen Acri Gli abbassamenti di voce di cui soffre, soprattutto se ricorrenti, potrebbero non essere dovuti a semplice raffreddamento ma essere sintomo di una disfonia infantile, un disturbo della voce conseguente ad abuso vocale. Questo tipo di disturbo è dovuto sia ad una scarsa coordinazione tra respirazione e fonazione che a cattive abitudini vocali. Il bambino disfonico grida molto anche quando non è necessario e tende ad utilizzare la voce come strumento per imporre la propria...
Infanzia · 22. novembre 2017
Ogni genitore desidera crescere un figlio con una buona autostima… ma in molti casi le strategie che usa sono assolutamente controproducenti. Cari mamma e papà, potrà sembrarvi strano ma i complimenti sono spesso giudizi sull’altro anche nel caso siano positivi e in quanto tali, possono minare l’autostima perché influenzano l’altro in modo manipolatorio e inappropriato. Proviamo a distinguere gli apprezzamenti che aiutano a crescere, dalle lodi che elargiamo per rispecchiarci...
Infanzia · 20. novembre 2017
Certe giornate servono, a riflettere, fare il punto della situazione, valutare lo stato dell’arte. Noi italiani potremmo crogiolarci per il fatto che Save the Children ci riconosca un posto discreto nella classifica mondiale dei paesi che “funzionano” come si rileva dal primo rapporto “Infanzia rubata”. Potremmo, ma non ci riusciamo proprio. 172 paesi valutati, l’Italia all’ 8° posto, la Nigeria all’ultimo e lungo questa classifica una sfilza di numeri agghiaccianti di diritti...
Infanzia · 16. novembre 2017
Un’atroce forma di violenza è quella che si provoca ai bambini soldato. Bambini cui viene rubata l’innocenza, l’infanzia, il gioco. Bambini plagiati, cui viene inculcata l’idea di uccidere come se fosse un gioco. Bambini le cui emozioni vengono soppresse, relegate nel loro io più profondo, ma pronte a ritornare alla memoria cosciente attraverso immagini, suoni ed odori, che funzionano da riattivatori traumatici. Bambini derubati della possibilità di costruire un personale senso...

Mostra altro